24/03/2006 Lega Volley Femminile

Si avvicina inesorabilmente l’ora del “rompete le righe”, ma al Villaggio del Fanciullo di Ravenna non si respira ancora aria di smobilitazione. Ci sono ancora due impegni da onorare e specialmente quello di dopodomani rappresenterà l’ultima chance per strappare una vittoria nel massimo campionato che non arriva dal lontanissimo 13 marzo del 2005, quando a Monte Attu venne affondato il Reggio Emilia. Non sarà facile perché le aironesse dovranno fare i conti con un Forlì che nel giro di poche settimane è stata risucchiata nella lotta per non retrocedere. Deve liberarsi a tutti i costi dall’insidia Arzano che spera ancora nel clamoroso recupero. Da due settimane nella panchina romagnola non siede più l’ex allenatore delle tortoliesi ed emblema della promozione Mauro Marasciulo, esonerato dopo la quinta sconfitta consecutiva. Al suo posto è stato chiamato Davide Baraldi.

 

Sprazzi di fiducia: ritorna Riette Fledderus

 

Le ragazze del Primaidea.com stanno preparando con vivo interesse la gara di domenica. Ieri proprio a Forlì hanno disputato un’amichevole contro la Aics Combitras, formazione di B1 in odore di play off, seguita da Delgado. Nei quattro set disputati hanno prevalso sempre le ogliastrine. In cabina di regia si sono alternate la ex Cristiana Spano e la nazionale olandese Riette Fledderus che con ogni probabilità tornerà a vestire la maglia di titolare. L’head coach Bruno Napolitano è rimasto soddisfatto del recupero della palleggiatrice: una speranza in più per poter dare filo da torcere alle avversarie. Per allungare la scarna panchina delle sarde, farà semplice atto di presenza anche la convalescente Barbara De Luca che siederà al fianco di Simona Ferranti, anche lei a buon punto con il recupero. Le atlete dell’Airone proseguiranno la preparazione questa sera e domani mattina. Partiranno per la vicina Forlì alle 16,30 di domenica.

 

Forlì: dieci gare, una sola vittoria

 

Forlì può contare sull’apporto della fuoriclasse colombiana Kenny Moreno Pino, la quinta miglior realizzatrice del torneo con 356 punti. Il collettivo vanta anche un buon rendimento in battuta: con i 79 punti ottenuti nel fondamentale si posiziona al terzo posto assoluto. Ma nessuna compagine la supera nelle ricezioni perfette con i suoi 851 colpi totali. La schiacciatrice portoricana Aurea Cruz, seppur fuori dal giro da dicembre, continua ad avere la media più alta nella classifica riservata al quoziente perfette/set. Anche il libero cagliaritano Valentina Conte si fa apprezzare per un lusinghiero 13° posto con un indice del 3,05. L’opposto polacco Kamila Fratczak guadagna altre quattro posizioni tra le migliori cecchine posizionandosi al 24° posto con 212 punti.

Nelle ultime dieci gare il Tecnomet Europa System ha vinto una volta sola (il 29 gennaio a Padova) e tra le mura amiche non sorride da dicembre, ottava giornata di andata, quando s’impose per tre set ad uno sull’Arzano.

 

Efisio Asoni, da Lanusei con ardore, riparte da Napolitano

 

E’ diventato ufficialmente il secondo allenatore nella settimana che ha preceduto il match contro Arzano. Efisio Asoni, classe 1973, residente a Lanusei, ha così potuto provare l’ebbrezza di stare seduto in panchina affianco a quel Bruno Napolitano con il quale condivise allegrie e dispiaceri nella stagione della promozione. E con il quale ebbe i primi approcci con il mondo professionistico. Poi ha avuto modo di arricchire le sue conoscenze con allenatori titolati come Marasciulo e Cuccarini.

 

Riparti da Bruno…..

 

Bruno è un amico, ci conosciamo molto bene e di lui apprezzo la sua professionalità. E’ riuscito a mantenere vivo un gruppo di ragazze che da settimane sanno di essere condannate alla retrocessione. Non è facile inventarsi un allenamento con appena sei o sette atlete, lui ce l’ha fatta grazie anche alle giocatrici che nonostante tutto hanno mostrato grande impegno.

 

Continui a fare anche l’addetto statistiche ?

 

Certo, lavoro ancora con i video e preparo attentamente le gare. Ora posso stare anche in panca, di sostegno a Bruno. In due si possono vedere tante più cose in campo. Quando ho fatto il secondo di Beppe Cuccarini, per motivi burocratici, non ho potevo affiancarlo a bordo campo.

 

 

Hai vissuto un’annata balorda, ricca di imprevisti

 

 

La scorsa stagione, quando s’infortunò Meika Wagner, pensai di aver visto abbastanza. Ed invece è seguito un campionato ancora più brutto, come tutti ormai sono a conoscenza.

 

 

Si può davvero vincere contro Forlì?

 

Ce la possiamo giocare, loro sono senza dubbio superiori sotto l’aspetto fisico, ma con il rientro di Riette Fledderus le ragazze beneficeranno di un’autentica iniezione di fiducia. Secondo me sarà un match ad armi pari con le nostre atlete che più volte ci hanno dimostrato di tenere in particolar modo a questa gara.

pdf print

Altre news:

Newsletter
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto