05/03/2016 VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore
Pomì Casalmaggiore – Savino Del Bene Scandicci: 3-1 (25-22, 26-24, 25-27, 25-17)
Casalmaggiore: Bacchi ne, Lloyd 7, Sirressi (L), Cecchetto ne, Ferrara ne, Gibbemeyer 10, Cambi 1, Piccinini 10, Olivotto ne, Kozuch 20, Stevanovic 18, Tirozzi 17, Matuszkova ne. Allenatore Barbolini, vice Bolzoni.
Scandicci: Arias, Stufi 15, Alberti 3, Loda 4, Fiorin 19, Pietersen 4, Merlo (L), Scacchetti, Giampietri ne, Nikolova 22, Ikic, Rondon 2. Allenatore Chiappafreddo, vice Azzini.
Arbitri: Sobrero-Braico.
Spettatori: 2777.
Durata set: 27’, 29’, 29’, 23’.
Muri punto: Pomì 12, Scandicci 2.
Ace: Pomì 2, Scandicci 1.
Mvp: Lloyd
Prima del match, Michele Poggi per il mensile “Pallavoliamo” ha premiato Maggie Kozuch, Valentina Tirozzi e Jovana Stevanovic, rispettivamente miglior opposto, schiacciatore e centrale del girone d’andata secondo un sondaggio effettuato tra i lettori della rivista e gli allenatori di serie A1.
Sabato 5 marzo, PalaRadi Cremona. Pomì Casalmaggiore si impone 3-1 su Savino Del Bene Scandicci, squadra ostica e rigenerata dalla cura “Chiappafreddo” Le padrone di casa sono brave a mantenere la calma nei momenti critici del match, e a portare a casa il risultato.
La cronaca. Scandicci parte con Arias in sestetto. Le toscane, molto attente in difesa e sulle palle sporche, si portano avanti 6-9. Un muro imperioso di Stevanovic su Nikolova suona la carica alle rosa, e Tirozzi mette giù d’astuzia il 9 pari. Le toscane accusano il colpo: si va al time-out sul 12-10 per le padrone di casa; e sul 16-12 coach Chiappafreddo deve chiamare subito una nuova sospensione per riordinare le idee. Pomì, più tecnica e potente, mantiene le distanze; ma Scandicci si fa sotto (20-19), approfittando di un muro rosa non assassino come al solito. Tirozzi batte forte, Lloyd tocca a rete, e Casalmaggiore prende di nuovo il largo: 23-20. Piccinini chiude il set con una schiacciata di potenza da posto quattro.
Secondo parziale: sono Tirozzi a dettare il ritmo per le rosa, e Stufi per le bianche. Regna l’equilibrio: 8-8. Ma Casalmaggiore ha una Sirressi in più, e anche il muro e Piccinini cominciano a far male: 16-12. Con pazienza e determinazione, Scandicci si riporta sotto: 19-17. Tirozzi trascina nuovamente avanti le padrone di casa: 22-17. E la solita Stufi mette giù il 23-21. Scandicci non molla mai: 23 pari. Ancora una volta, Casalmaggiore si dimostra più cinica nelle fasi calde del match: ed è 26-24.
Scandicci è un osso duro, e nel terzo set si porta avanti 4-5. Muro di Stevanovic e schiacciata di Piccinini, ed è sorpasso: 6-5. Stufi sigilla il 7 pari; e ribatte di prima intenzione una ricezione difettosa Pomì: 7-9. Tirozzi spara fuori: 11-13. Ingenuità delle toscane (errore di formazione) ed è 13 pari. Stevanovic mura Nikolova, ed è il nuovo sorpasso. Kozuch va a punto dalla seconda: 15-14. Sbaglia Piccinini in attacco, e Scandicci è ancora avanti. 16-17. Forse il primo scambio lungo dell’intero match: ed è Stevanovic in veloce a mettere a terra il 20-19. Stufi mura Piccinini: 23-24. Ma la stessa Piccinini, di esperienza, tiene a galla le sue: 24 pari. Ace di Cambi, ed è il primo match ball. Ma non è finita: Nikolova schiaccia dalla seconda il 25-26, e questa volta è la Savino Del Bene a far suo il gioco.
Pomì Casalmaggiore non vuole nemmeno pensare alla possibilità dell’ennesimo tie-break, e parte forte nel quarto parziale, con Stevanovic e Kozuch in evidenza. La partita non sembra avere più molto da dire: unico brivido è l’infortunio occorso a Ikic (un colpo fortuito al naso che la tramortisce e costringe ad uscire dal campo). I militi della Padana Soccorso devono intervenire anche sugli spalti, per due malori che hanno colto altrettanti spettatori. Nulla di grave per fortuna. Scandicci ha esaurito le proprie risorse, e sul 18-11 coach Chiappafreddo chiama time-out. Non serve; anche il pubblico ne è consapevole e si ammutolisce. Il punto del definitivo 25-17 lo sigla Lloyd correggendo a rete una ricezione lunga di Tirozzi.
I commenti. Bolzoni: “Era una partita difficile, perché Scandicci arrivava da una striscia positiva di risultati e dall’entusiasmo conseguente al cambio allenatore. Noi eravamo forse più sotto pressione; ma siamo stati bravi ad affrontare la partita nel modo giusto. Soprattutto nel quarto set, che credo ricalchi l’effettivo divario tra le due squadre”. Sirressi: “Scandicci è un’ottima squadra, che lotta fino in fondo, difende bene e sa contrattaccare. Nel terzo set abbiamo patito un calo; ma in altre partite probabilmente saremmo andate al tie-break, mentre in questa occasione siamo state capaci di reagire. Lo ritengo un passo avanti”. Stufi: “Pomì ha un muro alto e una gran ricezione: contro una squadra del genere bisogna rischiare, e dunque ci sta anche qualche errore. Siamo state condizionate pure dagli infortuni (Ikic ed Alberti; ndr). Penso comunque che la nostra sia stata una prestazione positiva, di cui essere contente”.
pdf print

Altre news:

Newsletter
PROGRAMMAZIONE TV
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto