17/12/2009 Lega Volley Femminile

Niente riscatto, né passi avanti. Non è bastato il ritorno al PalaSerenelli (che ultimamente aveva dispensato gioie e punti pesanti) per cancellare la brutta prova di San Vito dei Normanni: contro un Chieri concentrato e cinico la Gs DìperDì Emmedata cede di schianto, lasciando alle piemontesi i tre punti in palio e tornando a fare i conti con i soliti errori di approccio alla gara, anche stavolta molle (tre lunghezze di ritardo accumulate già al primo tempo tecnico sia nel primo che nel terzo set, addirittura sei nel secondo), che ha condizionato pesantemente la partita nonostante delle generose rimonte abbiano rimesso in discussione l’esito di due delle tre frazioni.
“Abbiamo fatto quello che potevamo contro una squadra che è comunque la quarta forza del campionato – dice coach Sabbatini – contro la quale ci eravamo ripromessi di giocare un match palla su palla: ci siamo riusciti solo in parte, pagando a caro le brutte partenze accusate in tutte e tre le frazioni. Guardando anche il tabellino ci è mancata la concretezza offensiva nei momenti più delicati: quando di fronte hai una squadra di valore bisogna sfruttare tutte le occasioni che si presentano, mentre noi invece non siamo riusciti a finalizzare in modo positivo quei palloni che ci sono capitati che avrebbero potuto far prendere una piega diversa ai finali di primo e terzo set. Questi passaggi a vuoto li paghiamo molto cari, cosa che peraltro ci è già capitata a San Vito contro una formazione che a mio avviso non è competitva come Chieri”.
“Abbiamo iniziato molto male, senza grinta – ammette Maria Elena Ortolani – trovando le energie per recuperare e provare a raddrizzare la partita quando era troppo tardi, senza riuscirci. Chieri ha sbagliato pochissimo e non ci aspettavamo che difendesse così tanto. Invece noi abbiamo regalato troppo e faticato proprio in un fondamentale come quello della difesa che è sempre stato un nostro punto di forza, e concedere questo ad una formazione del calibro di Chieri non è proprio possibile. E’ un 3-0 che pesa perché arrivare dopo un’altra partita persa con lo stesso punteggio. Adesso dobbiamo tirare fuori tutto quello che abbiamo sia dal punto di vista mentale che dal punto di vista tecnico – conclude Ortolani – in queste tre partite che ci separano dalla fine del girone di andata, a partire dalla prossima trasferta di Volta Mantovana, anche perché la classifica incomincia a farsi preoccupante”.

pdf print

Altre news:

Newsletter
PROGRAMMAZIONE TV
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto