17/12/2009 Lega Volley Femminile

E’ servita la sconfitta con Urbino per vedere la migliore Mc Carnaghi Villa Cortese. E’ servita una squalifica di due giornate di Tai Aguero per scoprire le potenzialità del gruppo messo a disposizione del tecnico Marcello Abbondanza. Ma sono state necessarie anche avversarie di primissimo livello per testare le doti e il carattere di Nicora e compagne. E in tre settimane sono arrivate 3 vittorie. La prima, contro Piacenza, ha fatto da apri pista alla doppia trasferta marchigiana contro Pesaro e Jesi. E in un sol colpo le ragazze di Abbondanza superano le campionesse d’Italia della Scavolini, e la Monte Schiavo, capolista sino a sabato sera del campionato di serie A1. Ora, al comando della classifica femminile c’è l’Mc Carnaghi Villa Cortese. Complice anche la vittoria della Scavolini Pesaro sul campo della rimaneggiata Foppapedretti Bergamo.
“Godiamoci questo momento – sottolinea Marcello Abbondanza –. Ma le vittorie di Pesaro e Jesi sono solo delle tappe. Giustamente possiamo essere soddisfatti di quanto fatto, ma non dobbiamo perdere di vista l’obiettivo di continuare a migliorare e progredire. Anche contro Jesi in certi momenti, come nel secondo set, siamo andati in confusione. Ritengo che possiamo fare altri passi avanti, tenendo presente che il campionato è ancora molto lungo”.
La squadra ha comunque saputo sopperire all’uscita di Manuela Secolo nel quarto set, per un lieve infortunio: “Quello che poteva diventare un punto di forza per Jesi, alla fine si è dimostrato un nostro punto di forza – prosegue il tecnico romagnolo –. Manuela sino a quel momento aveva disputato un’ottima partita. Quando è uscita dal campo, tutte le altre ragazze hanno moltiplicato gli sforzi, compresa Caterina Bosetti che l’ha dovuta sostituire”.
A proposito di ingressi in campo, Nicoletta Luciani, ex di Jesi (società nella quale è cresciuta sin dal settore giovanile), ha preso il posto di Hasalikova nel terzo set: “E’ stata una forte emozione entrare sul taraflex – spiega il centrale di Villa Cortese –, e giocare davanti a tante persone che mi conoscono e sono venute appositamente a vedermi giocare. Emotivamente è stato proprio bello. In campo poi ho cercato di dare il massimo per aiutare la squadra nel compiere l’impresa. Siamo state davvero brave a crederci fino in fondo, anche quando abbiamo visto uscire dal campo Manuela Secolo. Ma adesso dobbiamo già guardare avanti. E a Castellanza ci aspetta Pavia. Sarà una partita difficile, perché tutti gli avversari daranno sempre il massimo quando ci affrontano. E da parte nostra non ci possiamo permettere cali di concentrazione e disattenzioni”.
In settimana, Bibi Ballardini e il Gso si sono accordati per interrompere, almeno temporaneamente, il contratto sottoscritto ad inizio anno per dar modo all’atleta, di poter proseguire il proprio percorso professionale con un’altra squadra.
Dopo l’infortunio occorso nell’ultima gara dei play-off e dopo l’intervento subito, Bibi ha ripreso ad allenarsi e ma adesso è pronta. Le manca solo il ritmo di gara e soprattutto il giocare con continuità. La scelta migliore è stata quella di accasarsi alla Castellanzese, che milita nel Campionato Nazionale di B1.

pdf print

Altre news:

Newsletter
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto