• it
25/03/2017 Club Italia Crai

L’avventura del Club Italia CRAI femminile nella Samsung Gear Volley Cup termina con una prestazione di grande cuore, carattere e intensità, che non basta però alle azzurre per portare a casa la vittoria: il Saugella Team Monza si impone in rimonta per 2-3 e conquista così quel successo indispensabile per guadagnarsi la permanenza in Serie A1, vista la contemporanea affermazione di Montichiari ai danni di Casalmaggiore. Nella loro “casa” del Centro Pavesi FIPAV, inconsueto scenario di quest’ultima giornata di campionato, la squadra della Federazione Italiana Pallavolo inizia male, consegnando il primo set alle avversarie con troppi errori, ma reagisce alla grande nel secondo (vinto ai vantaggi per 27-25 dopo un set point annullato) e soprattutto nel terzo, dominato fino al 25-19. Monza però riprende il pallino in mano nel quarto set, vinto con un nettissimo 15-25, e anche nel quinto trova il break decisivo prima del cambio di campo. Il Club Italia CRAI conclude dunque la stagione all’ultimo posto in classifica con 11 punti, retrocedendo in serie A2 insieme a Montichiari.
Chiude la stagione in grandissimo stile Paola Egonu, che ancora una volta abbatte la barriera dei 40 punti, salendo a quota 41 con il 51% in attacco e 4 ace; sono dunque ben 554 i punti totali messi a segno in campionato dall’azzurra, tornata per l’occasione al ruolo di opposto. Buona partita anche per le compagne di squadre, da Alessia Orro a Elena Perinelli; ottimo in particolare l’impatto di Marina Lubian, entrata nel secondo set e protagonista della rimonta azzurra. Dalla parte di Monza brilla la stella di Haley Eckerman, autrice di 22 punti con il 55%, ma ancora una volta a risolvere la partita sono i cambi, con gli ingressi dalla panchina di Martina Balboni e Berenika Tomsia, oltre a Milica Bezarevic che mette a segno i due ace della vittoria.

La cronaca:
Buon pubblico al Centro Pavesi per un prepartita animato anche dal main sponsor CRAI, presente con uno stand promozionale e con la sua mascotte, un simpatico canguro. Prima del match un momento di particolare emozione con la consegna di un omaggio floreale a quattro giocatrici che concludono quest’anno la loro esperienza al Club Italia dopo una lunga militanza in azzurro: Alessia Orro, Paola Egonu, Vittoria Piani e Alexandra Botezat.
Il Club Italia CRAI torna allo schieramento tipo della prima parte della stagione, con Egonu opposto e Melli accanto a Perinelli in posto 4; per il resto la formazione resta invariata rispetto alle ultime uscite. Cambio anche per la Saugella, che promuove tra le titolari l’ex azzurra Nicoletti al posto di Tomsia.
Azzurre subito aggressive in attacco con Perinelli ed Egonu, che firma il 3-1 e il 5-2. Monza però pareggia sul 6-6 con Eckerman e prova a sua volta il break sul 10-12 (errore di Egonu), convincendo Lucchi a fermare il gioco. Dal 14-16 il Club Italia prova a ribaltare il risultato con Egonu e Melli (17-16), ma due errori delle azzurre riportano ancora le ospiti avanti sul 17-19. Dopo il time out Eckerman regala il più 3 alle monzesi, poi il servizio di Begic permette alla squadra di Delmati di allungare fino al 18-23; il turno di battuta di Piani fa sperare le azzurre (20-23), ma ci pensa ancora Eckerman a chiudere 21-25.
Anche nel secondo set la Saugella parte forte con Aelbrecht (3-5); il Club Italia riconquista subito la parità sul 5-5, ma altri due errori azzurri valgono il 7-9. Perinelli pareggia nuovamente a quota 11, poi un muro di Nicoletti riporta avanti Monza (13-16) che si stacca con Candi sul 14-17. La centrale firma anche l’ace del 15-19 che costringe Lucchi a fermare il gioco; al rientro Egonu firma due punti straordinari e un errore di Nicoletti riavvicina il Club Italia a meno uno (19-20). La stessa Egonu spedisce fuori il pallone del 20-23, ma Melli e Lubian accorciano ancora e l’ace di Mancini completa la rimonta per il 23-23. Nicoletti si procura comunque il set point sul 23-24, ma Egonu lo annulla; ai vantaggi sono le azzurre a procurarsi due chance e sul 26-25 Egonu trasforma il punto della parità.
Per il terzo set confermata Lubian al centro. Il parziale è combattutissimo in avvio, con una serie di botta e risposta (4-3, 6-7); a spezzare l’equilibrio è ancora Egonu, che firma un attacco e due ace consecutivi per il 13-10. Delmati prova a rimediare inserendo prima Balboni, poi Tomsia e Segura, ma le azzurre mantengono il vantaggio con Lubian (16-13) e, quando Egonu torna sulla linea dei nove metri, fanno il vuoto passando dal 18-16 direttamente al 22-16 (con altri due ace dell’opposta). La stessa Egonu blocca sul nascere il tentativo di rimonta della Saugella (23-18) e Mancini procura il set point, subito trasformato dalle azzurre grazie all’errore di Segura: 25-19.
Anche il quarto set inizia in equilibrio (3-4), ma si sblocca subito grazie a tre errori consecutivi delle azzurre, che portano il punteggio sul 4-8. Lucchi gioca la carta Arciprete per Melli e chiama time out, ma la Saugella, con Balboni e Tomsia in campo, allunga fino al 6-11 con il muro di Begic e dilaga sul 7-14 con la stessa Tomsia. Entra anche Enweonwu al posto di Perinelli, ma il set è ormai segnato: Candi sigla due punti per l’8-16, Eckerman infila due ace (11-22) e Tomsia mette fine a un parziale a senso unico: 13-25.
Il Club Italia parte forte nel set decisivo, portandosi sul 2-0 con Perinelli e poi sul 4-1 grazie a un muro vincente di Egonu. Attacco e muro di Candi regalano però l’immediato pareggio alla Saugella (4-4), che passa in vantaggio sul 5-7 con il diagonale di Begic. Malgrado il time out chiesto da Lucchi, le ospiti vanno al cambio di campo sul 5-8 e gestiscono il vantaggio con Tomsia (6-9) e Balboni (8-11); dal 9-12 la Saugella va direttamente a chiudere con l’attacco di Candi e due ace consecutivi della nuova entrata Bezarevic.

I commenti:
Cristiano Lucchi (all. Club Italia CRAI): “Sono estremamente soddisfatto perché la squadra ha fatto ciò che avevo chiesto a livello di atteggiamento e voglia di vincere, che non si era vista nelle ultime partite. Peccato perché di sconfitte come queste ne abbiamo subite tante in questa stagione: non riusciamo a finalizzare e gestire il vantaggio, anche oggi abbiamo regalato troppo soprattutto nel tie break. Comunque il nostro lavoro non si ferma qui, saremo in palestra fino a giugno e c’è ancora tanta strada da fare”.
Chiara De Bortoli (Club Italia CRAI): “Chiudiamo con una buona partita, anche se ci è mancata la continuità. Loro avevano motivazioni fortissime e tanta voglia di conquistare la salvezza; noi comunque usciamo a testa alta, credo che abbiamo regalato un bello spettacolo. La retrocessione certo non fa piacere, ma bisogna sempre trovare il lato positivo e l’abbiamo visto proprio stasera, in una partita in cui siamo tornate a giocare bene dopo alcune prove sottotono”.

Club Italia CRAI-Saugella Team Monza 2-3 (21-25, 27-25, 25-19, 13-25, 9-15)
Club Italia CRAI: Enweonwu 1, Perinelli 11, Morello, Lubian 7, Ferrara, Orro 2, Piani 1, De Bortoli (L), Mancini 3, Arciprete 2, Melli 6, Botezat 2, Bulovic (L) ne, Egonu 41. All. Lucchi.
Saugella Team Monza: Arcangeli (L), Balboni 3, Tomsia 4, Devetag ne, Candi 14, Aelbrecht 14, Begic 13, Lussana (L) ne, Dall’Igna 1, Nicoletti 9, Segura, Bezarevic 2, Eckerman 22. All. Delmati.
Arbitri: Pristerà e Goitre. Addetto Video Check: Caporotundo.
Note: Spettatori 490 circa. Club Italia: battute vincenti 6, battute sbagliate 12, attacco 47%, ricezione 53%-24%, muri 4, errori 35. Saugella: battute vincenti 9, battute sbagliate 9, attacco 50%, ricezione 55%-20%, muri 8, errori 24.

pdf print

Altre news:

Newsletter
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto