Obiettivo Risarcimento Vicenza: partita spuntata al tie-break. Avanti 2-0 le biancoblu devono aspettare per esultare nella sfida infinita con Bolzano

Sudtirol Bolzano – Obiettivo Risarcimento Vicenza 2-3 (21-25, 20-25, 25-17, 25-19, 13-15)

Sudtirol: Newsome 5, Paris (L), Garzaro 10, Martinez 29, Mari 15, Manzano 9, Bertolini ne, Boscoscuro, Ikic 9, Lazic ne, Veglia ne, Waldthailer ne. All. Bonafede

Obiettivo Risarcimento: Kitipova 1, Lanzini (L1), Cella 17, Popovic 8, Drpa 21, Partenio 21, Buša 1, Pastorello ne, Wilson 10, Crisanti 2, Prandi , Bisconti (L2). All. Rossetto

Arbitri: Prati di Pavia e Bassan di Brescia

L’Obiettivo Risarcimento torna da Bolzano con l’ennesimo tie break, due punti importantissimi e un po’ di rammarico per non aver chiuso subito la partita dopo essere stato avanti per 2-0, ma sicuramente con il sorriso per la bella reazione avuta sul finale, con il quinto decisivo set strappato al Neruda con un break di 3-0 e tornando così alla vittoria in una gara ufficiale contro le ragazze di Bonafede dopo quasi due anni.
A sostenere le biancoblu per tutto il match ed esultare con loro dopo l’ultimo punto di Partenio, una novantina di tifosi che non hanno voluto mancare a quella che si è confermata essere una sfida infinita.
Rossetto si affida alla stessa formazione della scorsa settimana: Kitipova al palleggio in diagonale con Drpa, Popovic e Wilson al centro, Cella e Partenio in banda, Lanzini libero.

L’Obiettivo Risarcimento conquista il primo break sul 4-6 sfruttando un errore delle padrone di casa, ma le biancoblu restituiscono subito il favore con il set che prosegue così punto a punto. Wilson ci riprova per l’11-13, ma è nuovamente parità, con Bolzano che va poi avanti (16-14): la ricezione traballa e non permette alle biancoblu di attaccare, cosa che invece riesce alle avversarie. Rossetto stoppa il gioco e al ritorno in campo Cella effettua il cambio palla e Popovic su rigore pareggia immediatamente. Drpa con coraggio su una palla difficile riporta avanti di uno l’Obiettivo Risarcimento, che ora mette in campo una grande intensità difensiva. Partenio allunga per il 18-21, Drpa firma il ventiquattresimo punto e alla seconda occasione Cella va a chiudere con una grande diagonale: 21-25.

Nel secondo parziale le vicentine provano a scappare in un paio di occasioni e, ancora una volta, Bolzano ricuce lo strappo: 12-12. Wilson su rigore sul servizio di Drpa riconquista il doppio vantaggio, un’invasione regala alle biancoblu il 3 e Wilson al servizio e Cella in attacco incrementano ancora per il 16-21, break che è decisivo. Anche in questo set è Drpa a raggiungere quota 24 e Partenio chiude per il 20-25.
Al ritorno in campo l’Obiettivo Risarcimento parte bene e con una scatenata Partenio, ma le padrone di casa tornano avanti con 3 muri consecutivi (10-9). Drpa prova a ribaltare, ma Bolzano trova con Ikic un gran turno al servizio (2 ace diretti e una palla rigore) e vola sul 18-13. Entra Prandi in cabina di regia, poco dopo Buša prende il posto di Cella, ma il Sudtirol continua a fare il suo gioco e va a chiudere sul 25-17.

L’Obiettivo Risarcimento riparte con Crisanti al posto di Wilson e in avvio si prosegue all’insegna dell’equilibrio, con Bolzano che si affida quasi esclusivamente a Martinez, trovando il break sull’8-6 e incrementando con il servizio fino al 4. Crisanti regala il rigore a Cella per il 10-8, gli scambi sono lunghi, ma a concretizzarli sono le padrone di casa. Sul 16-10 Partenio lascia il posto a Buša, sul 18-13 è il momento di Prandi. Crisanti recupera una lunghezza, ma il Neruda torna subito a 6 e con il servizio incrementa ancora e conquista il tie break alla terza occasione (25-19) dopo un set-ball annullato da Cella in attacco e uno da Drpa a muro.

L’Obiettivo Risarcimento torna a mettere la testa avanti nel set decisivo con Partenio, ma al cambio di campo sono le padrone di casa ad essere avanti di 2. Le biancoblu pareggiano a quota 9, Cella trova il 1 dopo una gran difesa di Lanzini e con un errore di Bolzano allunga, ma le ragazze di Bonafede si riprendono quanto dato con il interessi e con una bella dose di fortuna in difesa e una palletta di seconda si porta sul13-12. Vicenza però stringe i denti e dopo aver riconquistato palla ci pensano Drpa e Partenio a chiudere i giochi: 13-15.

PROSSIMA PARTITA
L’Obiettivo Risarcimento tornerà in campo già mercoledì 2 dicembre per la sfida casalinga contro Modena con fischio d’inizio alle ore 20.30.

Visualizza sponsor