Il Bisonte si arrende al cospetto di un’ottima Casalmaggiore

IL BISONTE FIRENZE 1

TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE 3

 

IL BISONTE FIRENZE: Alhassan 2, Sylves 7, Cambi 3, Herbots 20, Lotti, Guiducci, Van Gestel 2, Panetoni (L1), Knollema, Adelusi 4, Graziani 4, Nwakalor 16, Lapini (L2) ne, Kosareva 5. All. Bellano.

TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE: Carlini 1, Scola ne, Perinelli 13, Piva ne, Frantti 19, Davoli (L2) ne, Lohuis 12, Melandri 9, Malual, De Bortoli (L1), Braga ne, Dimitrova 21, Mangani, Sartori ne. All. Pistola.

Arbitri: Frapiccini – Vagni.

Parziali: 18-25, 25-22, 20-25, 17-25.

Note – durata set: 25’, 31’, 29’, 27’; muri punto: Il Bisonte 4, Casalmaggiore 7; ace: Il Bisonte 1, Casalmaggiore 6; spettatori: 912.

Il Bisonte Firenze sbatte contro una Trasporti Pesanti Casalmaggiore in stato di grazia e cade 1-3 a Palazzo Wanny nello scontro diretto per le posizioni entro le prime otto. Una sconfitta che comunque non compromette le chance di qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia, con le bisontine al momento ottave: peccato per il terzo set, in cui la squadra di Bellano era riuscita a rientrare dal 5-12 al 16-16 per poi subire la nuova accelerazione delle avversarie, che sostanzialmente hanno meritato la vittoria, con Dimitrova eletta MVP dall’alto dei suoi 21 punti col 44% in attacco.

Coach Bellano schiera Cambi-Nwakalor, Knollema-Herbots, Alhassan-Sylves e Panetoni libero, Pistola risponde con Carlini-Dimitrova, Frantti-Perinelli, Lohuis-Melandri e De Bortoli libero.

L’inizio de Il Bisonte è da dimenticare, e Casalmaggiore ne approfitta per salire 1-6, con Bellano che chiama subito time out: sul 3-9 entra Kosareva per Knollema, ma l’emorragia non si interrompe e sul muro di Lohuis (3-11) il coach fiorentino è costretto a fermare di nuovo il gioco. La Trasporti Pesanti è fenomenale in difesa e concretizza bene in contrattacco (5-14), Firenze ci prova con Herbots e poi sul 10-19 arriva anche il doppio cambio con Guiducci e Adelusi per Nwakalor e Cambi: nel finale di set c’è la bella reazione d’orgoglio che porta fino al 18-23, ma Pistola ferma tutto e al rientro Frantti chiude 18-25.

Nel secondo set rimane in campo Kosareva, con Graziani che prende il posto di Alhassan, e il match è decisamente più equilibrato, anche se al minimo errore Casalmaggiore punisce: dal 5-5 al 5-8 è un attimo, e Bellano è costretto a chiamare time out, poi finalmente Il Bisonte trova il primo muro del match con Cambi e torna sul 7-8, con Herbots che impatta sul 9-9. Le ospiti provano ancora ad allungare un paio di volte ma le bisontine rientrano subito, poi sul 16-17 entra Van Gestel per Kosareva e Herbots firma il sorpasso (18-17), con Pistola che chiama time out: una super difesa di Van Gestel permette a Herbots di allungare (20-18), sul 21-20 Pistola alza il muro con Malual per Perinelli e Casalmaggiore sorpassa di nuovo con l’ace di Dimitrova e la pipe di Frantti (21-22), e allora Bellano inserisce di nuovo Kosareva per Van Gestel. La partita diventa tesissima, ed è decisivo il turno in servizio di Graziani, brava a disimpegnarsi anche in difesa: Nwakalor trova la forza di sorpassare al termine di un grande scambio (23-22), poi Lohuis attacca fuori la fast e ancora una super Nwakalor (sette punti nel set) chiude 25-22.

Casalmaggiore torna a spingere con Frantti e Dimitrova a inizio terzo set (1-4), e ancora la bulgara trova da posizione difficile il 2-6 che costringe Bellano al time out: il copione sembra tornare ad essere quello del primo set, col muro-difesa delle ospiti che funziona alla grande, Il Bisonte invece soffre tanto fra ricezione e attacco e sul 5-12, dopo aver effettuato il doppio cambio (Guiducci e Adelusi per Nwakalor e Cambi), Bellano ferma di nuovo tutto. Herbots prova a suonare la carica (8-12) e Pistola spende il suo primo time out, Sylves e ancora Herbots chiudono un grande 5-0 per il 10-12, poi la Trasporti Pesanti torna sul + 4 (10-14) ma Il Bisonte reagisce ancora (13-15): Herbots mette giù l’ace del 15-16, Nwakalor impatta col mani-out (16-16) e allora Pistola deve di nuovo chiamare time out, con Frantti che al rientro ricrea il + 3 con due attacchi da seconda linea, seguita dal muro di Lohuis (16-19). L’ace di Perinelli spacca ulteriormente la partita (17-21), Bellano cambia le schiacciatrici con Knollema e Van Gestel per Kosareva e Herbots ma la rimonta stavolta non riesce e l’attacco fuori banda di Van Gestel vale il 20-25.

Il Bisonte non molla e parte alla grande nel quarto con Herbots e Nwakalor (4-1), Casalmaggiore rientra subito con l’ace di Dimitrova e poi sorpassa con Perinelli (5-6), e dopo un’altra fase equilibrata arriva il nuovo allungo con l’errore in fast di Sylves e l’ace di Lohuis (8-11 e time out Bellano). Sul muro di Melandri dell’8-12 entrano Guiducci e Adelusi per Nwakalor e Cambi, dopo un altro ace di Lohuis arriva il momento di Van Gestel per Kosareva (8-13), ma la Trasporti Pesanti tiene un livello di gioco altissimo e sul 13-19 Bellano è costretto a utilizzare il suo secondo time out, senza però riuscire a cambiare il corso del match che si chiude con l’attacco profondo di Perinelli per il 17-25.

LE PAROLE DI MASSIMO BELLANO – “Abbiamo perso abbastanza nettamente il duello in battuta e in ricezione: loro hanno battuto meglio di noi e hanno tenuto meglio in ricezione, e poi in difesa potevamo e dovevamo fare di più. Credo che la squadra abbia davvero cercato di dare tutto quello che ha in questo momento: l’unica cosa su cui dobbiamo ragionare, e che non va bene, è l’approccio nel primo set. Dovevamo impattare il match in maniera completamente diversa perché sapevamo che loro sarebbero partiti forte, invece l’inizio è stato troppo lento: nel resto della partita abbiamo fatto di tutto per stare attaccati, ma loro stasera sono state più brave di noi e giustamente hanno vinto”.

LE PAROLE DI EMILIYA DIMITROVA – “Per noi era molto importante vincere oggi perchè eravamo in un momento di crescita: due partite vinte consecutive e serviva la terza. Giochiamo tanto di gruppo, siamo rimaste lucide e siamo riuscite a chiudere la gara da tre punti. Tre punti che ci servono per essere nella posizione in classifica che ci meritiamo”.

Visualizza sponsor