15/01/2012 Lega Volley Femminile

E’ stata una partita dalle mille emozioni per i 4200 del Palayamamay, con le farfalle di Parisi che ancora una volta sono riuscite a spuntarla, questa volta al tie-break. Contro la Scavolini Pesaro di Luciano Pedullà le farfalle hanno volato indisturbate nel primo game, forse il migliore di tutta la stagione, hanno faticato ma vinto il secondo game, poi hanno subito il rientro della Scavolini. Nel terzo e quarto set infatti Klineman e Ortolani hanno scaldato il braccio e, insieme alle battute marchigiane, hanno messo in difficoltà la Yamamay. Al tie-break, davvero spettacolare, è stata battaglia, con Havelkova e compagne autrici di una prestazione eccellente nel muro-difesa, che ha fatto letteralmente impazzire il palazzo. Top scorer dell’incontro con 24 centri Helena Havelkova, premiata anche come MVP (45% in attacco), in attacco bene ancheHavlickova (40%) e la solita Bauer (62% 6 muri). Applausi, scroscianti, per Giulia Leonardi, al solito più che determinante in seconda linea. Per la Yamamay ora non c’è tempo di riposare: martedì le farfalle partono infatti per Baku, dove, giovedì (ore 15 italiane) è previsto il ritorno degli ottavi di Cev Cup.

MVP Palayamamay: Helena Havelkova

Sala stampa:

Cardani: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile contro la prima in classifica. Siamo riuscite ad allungare la partita al tie-break ma lì forse la tensione ci ha tradite”

Bauer: “E’ vero abbiamo perso il primo punto ma l’importante è stato vincere la partita. Nel tie-break abbiamo giocato da vera squadra e abbiamo fatto molto bene”

Pedullà: “Non sono contento per il punto conquistato, abbiamo comunque perso il match. Avevo chiesto alle mie ragazze di continuare a difendere con costanza anche nel quinto set ma così non è stato. Complimenti a Busto Arsizio e a Carlo Parisi per l’equilibrio di squadra che ha saputo costruire negli anni”

Parisi: “Noi non pensiamo al punto perso, è capitato e capiterà anche di perdere partite. Rimaniamo concentrati sulle nostre cose, cercando di farle sempre meglio. Non era una partita semplice, dal secondo set poi le loro battute ci hanno creato tante difficoltà, innervosendoci. Nel tie-break siamo tornati a lavorare molto bene e abbiamo chiuso la gara”.

La gara in pillole: la Yamamay approccia benissimo la gara e disputa un primo set perfetto, forse il migliore dell’intera stagione. Nella metà campo biancorossa funziona tutto: Lloyd è ispiratissima, Leonardi una vera tigre in difesa, Havelkova super in attacco (45%, 6 punti). Due punti anche per Chiara Dall’Ora e due muri (6 totale di squadra nel set) per Bauer (25-14). Nel secondo set il muro pesarese mette in difficoltà la Yamamay che non riesce a staccare se non a metà game con Havlickova salita in cattedra in maniera evidente (7 punti 47%), insieme ad una straordinaria Havelkova (9 punti 73% in attacco); Pesaro prova e riesce nel recupero con Ortolani e Klineman (23-23), ma nel finale rovina tutto con un errore in bagher di Ortolani che di fatto regala il set alle farfalle (25-23). Nel terzo set la Scavolini è più determinata e Ortolani attacca con contnuità; Brinker e Manzano fanno il break a metà set e, nonostante il tentativo di recupero bustocco con Caracuta – Meijners e Pisani, inserite nel finale da Parisi, le ospiti chiudono 19-25 e riaprono il match. Nel quarto set Pesaro sposta l’inerzia degli scambi a proprio favore, Brinker e soprattutto Klineman sono vere e proprie spine nel fianco della difesa biancorossa e allungano il match al tie-break (22-25).

La cronaca: Parisi parte con il sestetto base, Pedullà risponde con Ferretti – Ortolani, Klineman – Brinker, Manzano – Okuniewska, libero De Gennaro. Le farfalle approcciano bene il match, con Havelkova e Dall’Ora incisive in avvio (già tre punti per la centrale nel primo 8-5 bustocco). Havlickova in lungolinea allunga (9-5) su gran suggerimento di Lloyd e Pedullà interrompe il gioco, il muro di Bauer porta la Yama a 6 (13-7 nuovo tempo Pesaro). Ancora la centrale francese si fa notare (questa volta in attacco (14-8), Havelkova schiaccia il 7 (15-8) ed il 8 (16-8). Leonardi difende una bomba e Havlickova affonda da posto 2, Havelkova firma il 10 (18-8); Bauer schiaccia nei tre metri il 19-9, Lloyd mura il 20-10. C’è solo la Yamamay in campo e Marcon mura il 22-12, Bauer mura ancora il 24-14, Klineman spara out il 25-14.

Secondo set: Okuniewska e Klineman partono bene (4-4), il muro pesarese funziona bene con Okuniewska e Ferretti ma al primo tempo tecnico passa avanti la Yamamay (ok Bauer e Marcon, 8-6). Manzano mura il pareggio (8-8), ma la Yamamay si rifà avanti con il murone di Havelkova, che si ripete poco dopo con un lungolinea piazzato che fa chiamare tempo a Pedullà (12-9). La squadra di Parisi commette qualche errore ed il muro di Klineman riporta lo score in parità (12-12), ma Havlickova tiene sempre avanti Busto Arsizio (14-12); Havelkova conferma il 2 (15-13), Marcon fa suonare la campana del 16-14 con un lungolinea millimetrico. Sul servizio di Bisconti, entrata su Dall’Ora dai 9 metri, Havlickova allunga (17-14) e conferma poco dopo (18-15), mentre Bauer fa esplodere il palazzetto e Pedullà interrompe il gioco (19-15). Havelkova recupera una palla impossibile in panchina e Havlickova passa con coraggio (20-16), Ortolani recupera un punticino (20-18). Havelkova non ci sta e realizza la doppietta del 22-18, poi due errori bustocchi inducono coach Parisi a chiamare tempo (22-20). Klineman trova il 22-21, Havelkova respinge l’assalto (23-21), ancora Klineman tiene accesa la speranza per Pesaro (23-22) e Okuniewska trova il pari (23-23). Havlickova con il mani-out fa 24-23, Ortolani sbaglia il bagher e regala il 2-0 a Busto Arsizio (25-23).

Terzo set: la Scavolini prova a dare una svolta al match con Ortolani, che attacca con continuità e porta lo score sul 7-8. La stessa Ortolani firma il 7-9, Klineman con un gran colpo fa 7-10; Lloyd mura il -2 (8-10), Brinker spara out il -1 bustocco (9-10), Havlickova sfonda il muro di Manzano (10-11); Brinker tiene avanti Pesaro (10-12), Manzano allunga e Parisi chiama tempo (11-14). Ortolani allunga ancora (11-15) e Manzano a muro fa suonare la campana del 12-16. Okuniewska a muro sigla il 12-17 e Parisi mette in campo Meijners e Caracuta per Lloyd e Havlickova. Sul 14-19 Parisi schiera anche Pisani per Dall’Ora, mentre Havelkova recupera due punti con attacco e muro (16-19 tempo Pedullà). Klineman attacca e fa ace (16-21), Meijners abbatte De Gennaro (17-21), ma il muro di Ferretti chiude di fatto il set (17-23). Finale 19-25.

Quarto set: Parisi conferma Pisani e Bauer a muro prova a dare subito il la alla Yamamay (4-2); Ortolani e Klineman recuperano e superano (5-6). Havelkova a muro pareggia, ma Pesaro passa per prima al tempo tecnico (7-8); Pisani riesce a muro riesce a tenere incollata la Yamamay (10-10), Havlickova supera (11-10), Bauer conferma il vantaggio (12-11). Marcon non sbaglia il mani-out (13-12), Pesaro non molla e anzi realizza il break con Brinker e l’ace di Klineman (13-16). Lloyd di prima intenzione fa 15-17, ma Brinker e una invasione di Lloyd portano lo score sul 15-19 (tempo Parisi). Bauer mura il 19-21 della speranza (tempo Pedullà), ma Klineman attacca e mura (19-23), Ortolani sigla l’ace del 19-24, Klineman chiude 22-25.

Tie-break: Ortolani e Okuniewska iniziano bene (2-4), Marcon e Havelkova pareggiano (4-4); Havlickova firma il primo vantaggio biancorosso (7-6), ma l’errore di Havelkova porta al cambio campo con Pesaro avanti 7-8. Havelkova e il muro di Pisani ribaltano ancora (9-8), Brinker spara out il 10-8 (tempo Pedullà). Havelkova batte insidioso e difende in tribuna, propiziando l’11-8 (tempo Pedullà), Havlickova allunga (12-8). Nel finale Havlickova chiude uno scambio pazzesco (13-9), e a muro fa 15-9.

Il tabellino

Yamamay Busto Arsizio – Scavolini Pesaro 3-2 (25-14, 25-23, 19-25, 22-25, 15-9)

Yamamay Busto Arsizio: Lloyd 5, Havlickova 21, Dall’Ora 2, Leonardi (L), Marcon 10, Bauer 16, Meijners 1, Lotti, Caracuta , Havelkova 24, Pisani 2, Bisconti. All. Parisi, vice Codaro. Battute errate: 12, vincenti: 1. Muri: 17 (Bauer 6).

Scavolini Pesaro: Ortolani 17, Agostinetto , Brinker 11, Klineman 23, De Gennaro (L), Saccomani, Manzano 5, Ferretti 3, Okuniewska 10, Ampudia ne, Musti De Gennaro, Cardani. All. Pedullà, vice Dagioni. Battute errate: 12, vincenti: 4. Muri: 9.

Arbitri: Caltabiano – Gentile

Spettatori: 4217

Incasso: 11392 euro

In “Gallerie” le foto della partita (di Bruno Bordin)

In “Home page” il video dell’ultimo punto (di Roberto Danieli)

pdf print

Altre news:

Newsletter
PROGRAMMAZIONE TV
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto