17/06/2020 Futura Volley Giovani Busto Arsizio

Con la stagione 2020/21 ormai alle porte, la Futura Volley Giovani completa il proprio reparto centrali con un’atleta già apprezzata nello scorso campionato al San Luigi: alla novità Giuditta Lualdi e alla confermata Martina Veneriano si unisce ufficialmente anche Benedetta Sartori, al secondo anno in maglia FVG!
Benedetta, che ha compiuto 19 anni ad Aprile, è uno dei prodotti più fulgidi dell’Altomilanese: è infatti nata e cresciuta a Legnano, città in cui risiede tutt’ora, ed ha mosso i primi passi nel volley nella Focol, una delle società storiche del territorio. La strada nel legnanese prosegue fino ai 14 anni, quando la centrale sfida la Futura Giovani in maglia Focol e viene attentamente osservata da Matteo Lucchini: l’attuale head coach biancorosso, allora al comando del fu settore giovanile, la convince a spostarsi di qualche chilometro per fare parte di una “cantera” già nota a livello regionale e nazionale. Benedetta cresce, sia nel gioco che nell’altezza (arriva a sfiorare i 190 cm), e diventa praticamente subito uno dei maggiori prospetti bustocchi; match dopo match arriva a farsi un nome anche tra gli scout azzurri, iniziando così ad indossare la maglia della Nazionale giovanile in diverse occasioni. Il suo primo incrocio con la “nuova” Futura Volley Giovani avviene nel 2017/18 in B2: Sartori, in maglia Uyba Giovani, piazza 19 punti nel doppio confronto di regular season confermando le ottime impressioni suscitate durante tutta la stagione. L’annata si conclude in bellezza con il titolo provinciale Under 18, il terzo posto alle finali nazionali e soprattutto la conquista dell’Europeo Under 19, in cui le giovani azzurre rovesciano la Russia e si guadagnano l’oro continentale. Il 2018/19 porta in bacheca un nuovo titolo provinciale (e la quinta piazza nazionale), quindi ecco la chiamata della Futura e di coach Lucchini, nume tutelare della giovane posto 3: le prime gare “di rodaggio” in Serie A2 sono il preludio all’esplosione nel match contro Trento, vero e proprio upset del girone di andata, in cui Benedetta firma 13 punti in 3 set con 3 muri e il 64% in attacco. Nonostante la maggiore età raggiunta da poco, l’efficacia resta tale per tutto il resto della stagione: la numero 10 biancorossa, schierata in 66 set dei 77 totali, unisce una buona efficienza offensiva (45,3%) a delle doti sopra la media a muro (58 totali, 0,88 a set). In quest’ultimo fondamentale resta memorabile la prestazione fornita contro Marsala al San Luigi, incontro in cui piazza 9 block-in conquistando anche il premio come MVP.
Una conferma che mette il definitivo punto esclamativo su un reparto di sicuro rendimento: sotto rete le Cocche si presenteranno indubbiamente tra le squadre top della categoria.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Benedetta per una veloce intervista:

Sarai nuovamente tra le protagoniste in biancorosso per la prossima stagione, quali sono le tue sensazioni?

Sono ovviamente contentissima di far parte di questa squadra anche nella stagione che sta per iniziare. Il roster già annunciato è veramente forte e mi piace molto, non nego di aver ricevuto altre proposte ma quella biancorossa è stata sin da subito la mia preferita e quella che ritengo più giusta per la mia crescita come atleta e come persona; sono inoltre particolarmente legata a coach Lucchini perchè mi ha fatto crescere, quindi rimanere ancora con lui alla guida è un’ottima opportunità. Ho voglia di riabbracciare le vecchie compagne e conoscere quelle nuove!

Nella scorsa annata, la tua prima in Serie A, hai dimostrato di poter tenere egregiamente il campo; cosa ti aspetti dal 2020/21?

Mi aspetto un’ulteriore crescita, anche per questo ho deciso di rimanere. Quella passata è stata per me una bella stagione ma non ho intenzione di adagiarmi sugli allori, nella prossima ci saranno altri scogli da affrontare: spero di fare ancora meglio, di sicuro darò il massimo e farò tutto il possibile per crescere personalmente e per aiutare la squadra a vincere.

Per te è periodo di esami scolastici: come stai vivendo questa fine “anomala” della tua esperienza liceale?

Sto per diplomarmi al liceo delle scienze umane, tra pochi giorni terrò l’esame di maturità e sono molto impegnata a studiare. Da un lato potrei anche ritenermi fortunata perchè quest’anno non si terranno gli esami scritti, e perchè in una situazione normale gli ultimi mesi di scuola sarebbero stati molto pesanti… Dall’altro, però, sono dispiaciuta di non poter vivere a pieno l’esperienza della maturità. Nel frattempo, guardo avanti: non vedo l’ora di aprire un nuovo capitolo della mia vita!

Dario Cordella
Futura Volley Giovani
(foto Giovanni Pini)

pdf print

Altre news:

Newsletter
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto