24/02/2019 Lardini Filottrano

Osimo (An). Con una prestazione superlativa, di grande qualità e abnegazione, la Lardini batte 3-1 la Zanetti Bergamo e compie un passo importante nella corsa salvezza. Tre punti che valgono oro per quanto pesano, soprattutto perché arrivati al termine di una partita spettacolare e intensa, interpretata in maniera splendida da una Lardini solida in ricezione (70% di positive, 50% di perfette), efficace al servizio e in attacco (51% di squadra). Coach Schiavo conferma lo starting six che ha ben figurato al PalaVerde contro l’Imoco, Bertini schiera Carraro in regìa e deve rinunciare a Courtney, al suo posto Mingardi. E’ proprio l’ex Modena a firmare il primo punto di un set inaugurale in cui Tominaga sfrutta al meglio le sue centrali, mentre il mani out dell’ex Partenio consegna il primo vantaggio alla Lardini (5-4). La Zanetti capitalizza a muro (Smarzek e Olivotto) e allunga il passo, approfittando anche di alcuni errori filottranesi (14-19). Il -5 non spaventa una Lardini tenace come non mai, che può contare su una super Garzaro (7 punti nel set con l’85% di efficacia offensiva) e che sul turno al servizio di Partenio si riporta sotto (18-19). Bertini ricorre a Imperiali per sistemare la ricezione, Whitney e l’ace di Garzaro mettono la freccia (21-20), Cogliandro e Vasilantonaki conservano il vantaggio (23-22), ma al set-point arriva Bergamo con Mingardi (23-24). Filottrano annulla quattro palle-set con Partenio e Garzaro (27-27) e dopo il primo tempo di Cogliandro (5 punti e l’83% in attacco) mette al sicuro il set con Vasilantonaki (30-28). La Lardini riparte da Whitney e Partenio (4-3), ma come nel parziale precedente è la Zanetti a fare l’andatura, nonostante la classe infinita di una Cardullo spaziale (altra grande ex del confronto), che strappa applausi a scena aperta per un clamoroso doppio intervento difensivo. E’ Mingardi a spingere Bergamo sul +3 (13-16), fuga stoppata dal servizio (con ace) di Partenio, è ancora Mingardi a garantire il nuovo break (17-19), ma ancora da zona-uno (con Whitney) la Lardini trova risorse e pareggio (20-20). Vasilantonaki risponde ad Acosta (21-21), Partenio è glaciale (23-23), la parallela di Mingardi (8 punti e l’80% nel set) consegna il set-point alla Zanetti (23-24), annullato di potenza da Whitney. Nella Lardini ritrova il campo dopo due mesi Pisani, lo stillicidio di emozioni supplementari è identico alla prima frazione, come il bagher vincente di Partenio (dopo un’altra splendida difesa di Cardullo) che per la quarta volta cancella il set-point bergamasco (27-27). Sono gli innesti dalla panchina a spezzare l’equilibrio: l’attacco di Loda e il muro di Strunjak garantiscono l’1-1 alla Zanetti (27-29). La Lardini cancella in fretta la delusione, i primi tempi di capitan Garzaro la spingono in attacco, il servizio (con doppio ace) di Vasilantonaki confezionano il primo break (9-7). Filottrano prende il volo con una Partenio che sa far male in attacco e a muro (12-7), spingendo sull’acceleratore (16-10) con un attacco che gira al 52%. La Zanetti cambia, dentro Cambi e Acosta, ma la Lardini è sorretta da una sontuosa difesa e non ferma la sua corsa, allungando anzi il passo con Vasilantonaki, il muro di Garzaro e una palla spinta di Whitney (19-11). C’è di che stropicciarsi gli occhi: Tominaga è illuminante, Cogliandro colpisce in fast, il 2-1 arriva sull’attacco di Whitney. Partenio firma 3 dei primi 4 punti filottranesi del quarto set (a fine gara saranno 22, con tanto di premio MVP Moncaro), Vasilantonaki e il muro di Whitney permettono alla Lardini di fissare il 7-4 sul tabellone. Con ricezione solida (Cardullo all’82% e il 70% di perfette!) Tominaga dà spettacolo e distribuisce con grande sagacia (tutte le giocatrici d’attacco in doppia cifra, 25 punti complessivi al centro tra Garzaro e Cogliandro), fissando anche il +4 (17-13) con un intelligente colpo di seconda. La reazione di una Bergamo mai doma è nel muro di Olivotto (17-15) e nella diagonale di Smarzek (18-17), ma la Lardini tiene i nervi saldi e in attacco non sbaglia nulla. Vasilantonaki, Partenio e Garzaro mantengono il prezioso break (21-19), prima che Vasilantonaki chiuda un’azione lunghissima, emblematica della serata rosanero (22-19). La Lardini difende tutto e una monumentale Garzaro (15 punti con l’86% in attacco) mette a terra i punti del 23 e 24. Ci pensa Vasilantonaki (22 a referto) a chiudere la partita, liberando l’urlo di chi sa di aver scritto un capitolo importante nella storia di questo campionato.

 

LARDINI FILOTTRANO – ZANETTI BERGAMO 3-1

LARDINI FILOTTRANO: Tominaga 4, Whitney 15, Garzaro 15, Cogliandro 10, Partenio 22, Vasilantonaki 22, Cardullo (L); Brcic, Pisani. N.e.: Baggi, Rumori. All. Schiavo – Rocca.

ZANETTI BERGAMO: Carraro, Smarzek 17, Olivotto 16, Tapp 5, Mingardi 20, Acosta 8, Sirressi (L); Imperiali, Cambi, Loda 3, Strunjak 4. All. Bertini – Turino.

ARBITRI: Cesare – Grassia.

PARZIALI: 30-28 (31’), 27-29 (32’), 25-16 (24’), 25-22 (27’).

NOTE: spettatori 1.300 circa. Prima della gara il presidente della Pallavolo Filottrano, Renzo Gobbi, ha omaggiato con un mazzo di fiori l’argento mondiale Carlotta Cambi. Lardini: battute sbagliate 10, battute vincenti 7, muri 4, ricezione positiva 70% (50% perfetta), attacco 51%. Bergamo: b.s. 10, b.v. 0, mu. 10, ric. pos. 43% (27%), att. 43%. MVP Moncaro: Laura Partenio.

pdf print

Altre news:

Newsletter
PROGRAMMAZIONE TV
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto