14/03/2016 Lardini Filottrano

Lardini-Kioto, AsiaCogliandroIl cuore batte forte, perché è inevitabile quando si mettono insieme 8 vittorie nelle 9 giornate disputate nel girone di ritorno e si chiudono in cassaforte 21 dei 27 punti disponibili. La mente frena, perché è sulla politica del “passo dopo passo” che la Lardini sta materializzando il sogno di proseguire la sua stagione anche dopo il 10 aprile. Inutile allora affrettare i pensieri, specie nel momento in cui il campionato rallenta per lasciare spazio (domenica prossima) alla final four di coppa Italia di A1 e alla finale di A2, ultima pausa prima del gran finale (4 partite in 15 giorni). Di certo, sulla strada che porta ai playoff la formazione filottranese ha compiuto un altro tratto rilevante, superando la Kioto Caserta in maniera convincente. “Non era una squadra facile da affrontare – premette il tecnico della Lardini, Andrea Pistola –, siamo stati bravi a metterla in difficoltà con il servizio più di quanto loro abbiano fatto con noi. Abbiamo avuto un piccolo passaggio a vuoto nel primo set, ma nel complesso è stata una prestazione importante sia dal punto di vista tecnico che mentale. Stiamo giocando bene e lo abbiamo confermato contro Caserta, facendo buone scelte a muro e in difesa. La pausa? Abbiamo speso molte energie in queste ultime settimane, ci servirà per lavorare con un po’ più di tranquillità”. Cinque giocatrici in doppia cifra (non male in tre set), il 47% di efficacia offensiva, 6 aces e 6 muri: sono i numeri che raccontano nel migliore dei modi di una Lardini estremamente brillante. “Abbiamo messo molta aggressività al servizio e questo ci ha permesso di rendere la partita in discesa – ammette Asia Cogliandro –; siamo state brave a venir fuori da quella situazione complicata del primo set (break casertano di 5-0 per il 22-23, ndr)”. La centrale rosanero ha messo la firma sulla metà dei punti diretti al servizio della Lardini, per un “bottino” complessivo di 12 punti. “So che posso fare meglio, se riesco ad essere efficace in attacco è perché dietro c’è il lavoro di tutta la squadra”. Dopo la vittoria di Monza, la Lardini era chiamata a non togliere il piede dall’acceleratore. “Gli obiettivi stanno diventando sempre più importanti e non possiamo certo abbassare la guardia ora. Ci aspettano ancora quattro gare molto difficili: abbiamo rispetto per tutti, ma paura di nessuno. La mia esperienza a Filottrano? Mi trovo molto bene e sarei contenta di restare qui anche in futuro”.

pdf print

Altre news:

Newsletter
PROGRAMMAZIONE TV
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto