14/01/2015 Lega Volley Femminile

Il primo campionato di serie A1 di Metalleghe Sanitars sta dando grandi soddisfazioni ai tifosi, alla società e alle atlete; forse l’unico rammarico è quello di sapere che il capitano Natalia Serena l’adrenalina di stare sul campo a sfidare anche lei le grandi, sinora non se l’è potuta godere.

Domenica scorsa però, sul taraflex di Modena, è scesa in campo per il riscaldamento ed è stata in panchina, di nuovo a disposizione di coach Barbieri.

A distanza di poco più di due mesi dal secondo intervento al ginocchio sinistro, le previsioni di recupero sembrano finalmente dare respiro anche al capitano, che indossa la maglia biancorossa da un lustro e che ha guidato la squadra nell’ascesa dalla B1 alla massima serie.

Il test isocinetico di venerdì è stato positivo e, rispetto ai mesi passati in cui la schiacciatrice faceva lavoro individuale di recupero, dalla scorsa settimana Natalia partecipa alle sedute tecniche di gruppo incentrate su difesa e ricezione. Ben consapevole di avere ancora lavoro da fare, ammette che la tentazione di provare ad accorciare i tempi c’è, dal momento che la gamba sta rispondendo bene, ma anche che lei e il dottor Pier Francesco Bettinsoli non faranno passi falsi.

“Non abbiamo ancora inserito il salto, ma siamo sulla buona strada – conferma il capitano – Non ho una previsione di rientro certa per ora, ma ho la certezza che il percorso di recupero graduale scelto stia dando risultati di cui posso essere contenta. La partecipazione agli allenamenti tecnici su difesa e ricezione mi permette di lavorare sul gruppo: fa parte del recupero anche l’acquisizione degli automatismi di squadra che a me per ora mancano..su quelli però posso provare a bruciare le tappe”.

Dopo avere tifato dalla tribuna per dodici gare, per lei è stato un sollievo poter sostenere le compagne dalla panchina, domenica. “Sono meno tesa lì, che non accanto agli scoutmen… e domenica ho visto una squadra che ha un approccio mentale positivo e maturo, che ci permette di non mollare mai. Usciamo dalle difficoltà con un grande spirito di squadra e affrontiamo ogni avversario senza pensare al livello tecnico che ha. Se riusciamo a mantenere questa tranquillità, ogni avversario dovrà sputare sangue per vincere. Lo abbiamo dimostrato con Piacenza e Modena –due forze del campionato – lo faremo anche con Casalmaggiore, contro cui metteremo in campo anche la voglia di riscattare una partita di andata non proprio brillante”.

“Abbiamo deluso poche volte il grande pubblico del PalaGeorge e impegneremo anche Pomì, che son certa non riuscirà a replicare la prestazione dell’andata”, conclude capitan Serena.

pdf print

Altre news:

Newsletter
X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto